Luoghi da visitare

LUOGHI DA VISITARE

logopiccverde

Grazie alla sua posizione nevralgica, Salerno Antica può divenire il punto di partenza di vari e interessanti percorsi enogastronomici ed itinerari turistici e culturali, alla scoperta di profumi, sapori e tradizioni del centro storico, di quello che il celebre poeta salernitano Alfonso Gatto amava definire un gioiello medioevale. Da qui è facile scegliere diverse tappe del proprio viaggio per svelare la suggestione ed il fascino paesaggistico, storico ed artistico della Salerno che fu, ma che ancora oggi, a distanza di secoli sembra conservare: il Museo della Scuola Medica Salernitana, la più antica Università del mondo; il Duomo di San Matteo, la cui cupola del campanile guiscardesco spicca tra il rossastro dei tetti del centro; il Castello di Arechi, che domina la città con le sue mura mai conquistate; il Teatro Verdi, datato 1869 e denominato il piccolo S. Carlo; le antiche Chiese, i numerosi Musei. A pochi passi anche le vie dello shopping (Corso Vittorio Emanuele e via dei Mercanti ), o per chi ha voglia di una rilassante passeggiata, il lungomare, tra i più belli d’Italia, i Giardini della Minerva e la Villa Comunale. Per chi invece ama vivere la vita by night, numerosi i locali, pub, ristoranti, wine bar, che offrono una grande varietà di piatti tipici, musica e drinks.

Se sei è alla ricerca di un’escursione in montagna o una gita al mare non si potranno dimenticare i caratteristici paesini della provincia e le località naturali più affascinanti della costiera amalfitana e della costa cilentana.

PAESTUM

I maestosi templi dorici, illuminati da un sole intenso, e la lunga fascia costiera, lambita da un mare scintillante, fanno di Paestum un luogo incantevole dove trascorrere le proprie vacanze. La città antica è strategicamente posizionata a pochi chilometri a sud della costiera Amalfitana e a nord della costiera Cilentana, fungendo da porta del Parco Nazionale del Cilento. Considerata dall’U.N.E.S.C.O. patrimonio dell’umanità, Paestum rimane, per l’arte, la natura, i sapori e gli eventi che la caratterizzano, tra le più belle città della Magna Graecia da visitare e scoprire.

VIETRI SUL MARE

Prima delle 13 perle della Costa d’Amalfi giungendo da Salerno, incastonata nell’angolo più protetto dell’omonimo golfo, Vietri sul Mare è situato ai piedi del Monte San Liberatore e domina la valle del fiume Bonea. E’ conosciuto in tutto il mondo per l’apprezzato artigianato ceramico, dalla vivace policromia, le cui prime testimonianze risalgono al XV secolo.

CETARA

Borgo marinaro ed attivo porto peschereccio, Cetara, alle falde del Monte Falesio, si sviluppò a partire dal IX secolo, quando si stanziò in loco una colonia di Saraceni. Tutta l’economia del borgo ruota attorno alle tradizioni marinare: la flotta cetarese è una delle più attive del Mediterraneo, specializzata nella pesca del tonno e delle alici, nella loro trasformazione e conservazione. Una prelibatezza culinaria da assaporare e riscoperta negli ultimi anni è la colatura di alici, condimento per primi piatti dal colore ambra, prodotto sin dall’antichità e derivato dalla fermentazione delle alici in piccole botti di rovere o castagno.

AMALFI

Fondata dai Romani nel IV sec d.C. e resasi autonoma dall’Impero bizantino nell’839, Amalfi, la prima delle quattro Repubbliche Marinare, fece dei traffici commerciali con l’Oriente il perno della sua ricchezza. Raggiunse il massimo del suo splendore nell’XI secolo. La tradizione tramanda che gli amalfitani furono i primi ad utilizzare la bussola durante le loro navigazioni, identificando l’inventore col nome di Flavio Gioia. L’odierno centro abitato, che sorge in parte su un pendìo, è caratterizzato da case bianche con volta a botte costruite su terrazzamenti ed una pittoresca trama di vicoli e scale.

POSITANO

La perla mondana della Divina Costiera, con le botteghe artigiane di sandali tipici e vestiti in lino della famosa Moda Positano, lo charme dei palazzi signorili, la Chiesa della Madonna Assunta (nei cui pressi sono stati di recente rinvenuti i resti di una villa romana) e l’affascinante panorama delle isole “Li Galli” sullo sfondo.